Formazione itinerante

Per le vie del mondo

Un tempo era un’immagine che capitava spesso di vedere, mentre oggi sta diventando sempre più rara: cappello a falda larga, bastone e fagotto, gilet di velluto nero, i giovani carpentieri continuano però ancora oggi a viaggiare da un Paese all’altro. Per esattamente tre anni e un giorno, non possono avvicinarsi alla propria patria per più di 50 chilometri. Oggi in tutto il mondo gli apprendisti che vagano per le strade del mondo sono circa 600 - 800. La maggior parte di essi proviene dal settore della carpenteria.

Verso la qualifica di maestro

Il senso e lo scopo della formazione itinerante era ed è quello di approfondire le capacità di artigiano al termine dell’apprendistato, imparare nuove tecniche e maturare esperienze professionali come garzoni presso diversi maestri. Nel settore delle costruzioni in legno la tradizione degli anni itineranti è ancora oggi molto importante. Per lungo tempo la formazione itinerante è stata addirittura una premessa fondamentale per poter acquisire il titolo di maestro in un’arte artigiana.

Fatica ampiamente ricompensata

Maturare esperienze professionali e al tempo stesso conoscere altre culture e persone: questa prospettiva incuriosisce ancora oggi molti giovani carpentieri. Nonostante la prescrizione di dover procedere a piedi, in casi di emergenza si può anche ricorrere all’autostop. È vietato guidare veicoli, mentre l’utilizzo di mezzi pubblici non è visto di buon occhio.

Molti trovano attraente il confine tra appartenenza ed esilio che caratterizza gli apprendisti in formazione itinerante, così lontani da casa e spesso senza soldi nel portafoglio. Senza sapere cosa succederà domani e dove saranno. Il programma è decisamente stimolante. Da sempre gli apprendisti in formazione itinerante sono stati visti come avventurieri in una specie di esilio volontario.

Onore e cameratismo sono immensamente importanti. I carpentieri sono orgogliosi del proprio mestiere. Così orgogliosi che hanno il coraggio di affrontare un’avventura piena di privazioni, ma proprio per questo ancora più emozionante. Ieri. Oggi. Domani.


Video: Zimmerleute auf der Walz


Fonte: Die Sendung mit der Maus

Holzbau SchweizIl portale della industria costruire in legno svizzera