Costruzioni in legno nel settore del tempo libero

06/05/2019

Dalla vecchia fattoria della famiglia Zangerle è sorto qualche anno fa un campeggio favoloso. Gli ospiti si recano qui attratti dal vicino parco nazionale Biosfera Val Müstair, ma anche il campeggio è un richiamo interessante: oltre al bellissimo

I fratelli Ivan ed Enrico Zangerle della Val Müstair non provavano alcun interesse per la vita contadina e hanno intrapreso percorsi professionali differenti Rispetto ai genitori. Ivan Zangerle ha esercitato
inizialmente la professione di muratore, per divenire poi disegnatore edile e lavorare oggi come architetto e titolare di Modunita Architects (prima Architectura La Chasa). Un giorno poi l'unico campeggio della regione ha chiuso: con la questione ancora irrisolta circa il futuro della fattoria dei genitori, Ivan Zangerle non ha esitato a lungo. Insieme al fratello nel 2011 ha trasformato in campeggio la fattoria situata in una bellissima posizione, cercando di conservare il carattere inconfondibile della vecchia costruzione contadina.

Il nuovo campeggio Muglin nel paesino di Müstair è un punto di partenza perfetto per trekking, gite in bicicletta, passeggiate o per una visita al vicino convento di San Giovanni, patrimonio mondiale Unesco. Dove prima pascolavano le mucche da latte, oggi sono sistemate le roulotte e le tende dei campeggiatori. La vecchia stalla delle mucche ospita i locali per le docce e la lavanderia, nell'ex stanza di lavorazione del latte sono collocate le toilette, mentre nel cassone del letame si trovano ora gli impianti tecnici. Il pezzo
forte è l'impianto wellness e la sauna realizzati nel vecchio fienile. Elemento essenziale dell'infrastruttura è il nuovo bistrot, collocato nel vecchio capanno: ne è ben consapevole Selina Zangerle, moglie di Ivan Zangerle e direttrice del camping. È lei che organizza il soggiorno dei circa 7500 ospiti l'anno provenienti da tutta Europa, supportata da sette impiegati part-time che la aiutano nella conduzione e gestione dell'intera struttura.

Semplicità Classica
Nel 2017 il camping ha investito ulteriormente nel benessere degli ospiti, realizzando un pergolato in legno. Lo spazio accuratamente studiato si trova vicino al bistrot e accanto all'ingresso con la reception. Committente e architetti Hanno trovato la propria fonte di ispirazione nei tipici granai della Val Müstair, di cui hanno reinterpretato gli elementi tradizionali. Nonostante il carattere indipendente, la costruzione si inserisce in maniera ottimale nella struttura preesistente. I materiali utilizzati riflettono la tradizione edilizia locale con la propria semplicità: massetto in calcestruzzo, travi d'abete, rivestimento della facciata segnato dalle intemperie e copertura del tetto in lamiera. Gli elementi statici del pergolato sono al contempo anche componenti estetici e sottolineano l'impiego minimalista dei materiali. L'involucro in abete si alterna a fenditure, consentendo scorci sul paesaggio circostante e creando così uno spazio aperto e allo stesso tempo gradevole. Giunzioni a scomparsa La sfida principale che hanno dovuto affrontare gli architetti è stato rendere la piccola costruzione quanto più semplice e leggera possibile e nascondere al contempo tutte le giunzioni e i collegamenti. L'opera di precisione è stata affidata ai carpentieri della ditta Foffa Conrad Holzbau AG di Valchava (GR). «Il montaggio ha richiesto la massima precisione», ricorda Egon Wiesler, responsabile dei lavori di costruzione in legno. Con una superficie di appena 40 m2 e un volume di circa 140 m3, l'edificio è relativamente piccolo e nonostante questo i lavori di costruzione hanno richiesto nel complesso quattro settimane.

Note di colore nero
I singoli elementi costruttivi, come le travi in legno lamellare (100 × 320 mm) e gli elementi delle facciate e delle pareti, sono stati prefabbricati non lontano dal cantiere, nello stabilimento di Foffa Conrad Holzbau AG a Valchava, a soli cinque chilometri di distanza. Sono stati impiegati in totale 3,4 m3 di abete. Come elementi di giunzione sono stati utilizzati piani di taglio in acciaio e spinotti. I circa 64 m2 di tetto e pareti sono costituiti da pannelli a tre strati verniciati di nero (42 mm). La griglia della facciata in panconcelli d'abete (30 × 80 mm) è applicata in parte sulla superficie della parete, mentre per la parte restante è stato impiegato vetro di sicurezza laminato per proteggere l'interno dal vento. Nell'area aperta delle pareti, i panconcelli della facciata sono applicati come puntelli trasversali collegati con tubi neri. I pannelli del tetto e delle pareti fungono al contempo da rinforzo anti vento. Il tetto a due spioventi, con un'inclinazione di 25,5 gradi, è rivestito con lamiera di rame. «È stato un compito avvincente», commenta Egon Wiesler, «riuscire a sottolineare la semplicità di questo pergolato con la sua costruzione snella e sottile senza
compromettere il carattere dell'edificio.» Wiesler ama fare collimare l'architettura e le tecniche di costruzione in legno all'interno di un unico progetto e realizzare il tutto sul piano costruttivo. Di fatto la nuova costruzione si è affermata oggi come frequentatissimo punto d'incontro degli ospiti. Il pergolato viene impiegato come palco per manifestazioni, come area relax o come bar. Una lampada circolare moderna al centro dell'ambiente sottolinea il carattere purista dell'edificio.

FOFFA CONRAD HOLZBAU AG
Foffa Conrad AG è stata fondata nel 1950 da Crispin Foffa e Angel Conrad come impresa edile. Oltre alle attività di edilizia e ingegneria civile, l'impresa ha integrato anche una divisione di costruzione in legno, divenuta indipendente nel 2013 con il nome di Foffa Conrad Holzbau AG e le tre sedi a Valchava, Zernez e Scuol. L'amministratore è Dietrich Spiess. Con circa 25 impiegati, Foffa Conrad Holzbau AG si annovera tra le maggiori aziende di costruzione in legno dei Grigioni e forma ogni anno tre apprendisti. La gamma di servizi offerti dall'impresa include attività di carpenteria e falegnameria, commercio del legno con segheria e opere di lattoneria e copertura tetti. Nel 2016 la carpenteria ha investito in un proprio impianto di lavorazione e taglio del legno. Attraverso la collaborazione con l'Ufficio forestale della Val Müstair, l'impresa può acquistare legno regionale che, su richiesta, viene anche abbattuto nelle giuste  fasi lunari. La selezione e la lavorazione di questi tronchi avviene ogni anno in due-tre date prestabilite. Lo spirito innovativo dell'impresa è stato premiato con due riconoscimenti nell'ambito del Prix Lignum 2018 per la regione orientale (ampliamento della società Lico AG di Müstair e ponte pedonale Punt da la Güstizia a Zernez). Nel 2008 Egon Wiesler, carpentiere e falegname professionale, inizia a lavorare presso Foffa Conrad Holzbau AG. Dopo un corso di perfezionamento professionale per disegnatore CAD e un breve periodo di attività presso un'impresa internazionale di costruzione in legno, l'oggi 37enne è ritornato nel 2012 nei ranghi di Foffa Conrad Holzbau AG. Da allora è attivo nell'azienda con il ruolo di responsabile di produzione e direttore di progetto; da quest'anno inoltre è vicedirettore e co-azionista dell'impresa.

Holzbau SchweizIl portale della industria costruire in legno svizzera