La costruzione in legno in altezza

05/01/2016

Una visione impressionante sulle nuove possibilità è stata offerta al 21° "IHF" dal blocco tematico «Struttura portante in legno».

Il fatto che la costruzione in legno guadagni in altezza, non si misura solo in metri: oltre ai nuovi palazzi da record, anche le cifre indice del settore confermano lo sviluppo. E non da ultimo l’attuale numero di partecipanti del 21° Forum internazionale della costruzione in legno di Garmisch ha raggiunto un nuovo record con circa 1600 visitatori.

La costruzione in legno procede alla grande: le restrizioni giuridiche relative all’altezza dei piani sono appena state superate grazie alle norme antincendio rielaborate e già i pianificatori e gli ingegneri si superano con palazzi in legno. Una visione impressionante sulle nuove possibilità è stata offerta al 21° Forum internazionale della costruzione in legno (IHF) dal blocco tematico «Struttura portante in legno». Ciò che – in relazione all’altezza – è iniziato con la relazione sull’impressionante sopraedificazione dell’ex sedime di Foto-Quelle a Norimberga, ha trovato la prosecuzione in un edificio residenziale di nove piani nella svedese Vaxjö. In questo caso, impressionante è stato soprattutto l’obiettivo strategico del comune che aveva deciso che entro il 2015 almeno il 25 percento di tutte le nuove costruzioni deve essere costruito prevalentemente in legno, ed entro il 2020 addirittura il 50 percento.

Il palazzo attualmente più alto al mondo con 14 piani si trova nella norvegese Bergen e non poteva mancare alla presentazione degli ultimativi palazzi al congresso di Garmisch. La struttura portante dell’edificio Treet (norvegese «The Tree») costruito nel 2014 si basa su un garage in calcestruzzo come fondamenta ed è rinforzato da un’anima in calcestruzzo con vano scala e pozzo per l’ascensore nonché tre solette in calcestruzzo sopra il quarto, il nono e l’ultimo piano. Anche l’HoHo, il palazzo in legno di Vienna, è una costruzione ibrida. È ancora in fase di costruzione e presto surclasserà con i suoi 24 piani il Treet di Bergen. Anche la struttura portante dell’HoHo di 84 metri funziona con un nucleo massiccio aperto verticale per il vano scale, agganciato alla costruzione in legno.

Il fatto che il volo della costruzione in legno non si esaurisca nella costruzione di appartamenti è stato dimostrato dai relatori del 21° Forum internazionale della costruzione in legno con tanti altri progetti edili in legno. Hanno condotto il loro pubblico in una gita virtuale nelle altezze ariose del sentiero sopra gli alberi Panarbora vicino a Colonia, hanno assicurato uno sguardo sulla costruzione in legno della torre anemometrica alta centro metri nella Foresta Nera meridionale e sui 129 metri della torre eolica Züblin realizzata con elementi in legno impiallacciato. Non è mancato nemmeno un giro attraverso l’imponente edificio degli architetti Herzog & de Meuron a 2262 metri, sulla vetta del Chäserrugg.

L’ambizione di grandezza nella costruzione in legno non deve tuttavia sempre procedere in altezza: lo ha spiegato il costruttore in legno Max Renggli nella sua relazione sul Freilager di Zurigo. Sul sedime dell’ex deposito franco doganale si sta attualmente realizzando un nuovo quartiere che, suddiviso in 10 edifici, offrirà fino a 800 appartamenti e 200 camere per studenti. Accanto agli edifici in costruzione massiccia, sono stati realizzati anche tre edifici di sei piani in legno. I tre edifici con un totale di 187 unità abitative sono lunghi tra i 70 e i 100 metri, larghi 18 metri e alti 20 metri. «Il nostro obiettivo non è costruire in altezza», dice Renggli, «ma costruire case che piacciono alla gente.»

Le sfide di questo progetto sono state soprattutto nell’acquisto del materiale e nella produzione. Tutti gli elementi sono stati forniti «just in time» sul cantiere e la produzione è avvenuta secondo i principi del Lean Management. La produzione non era quindi vincolata a un principio di realizzazione fissa, ma ha agevolato un sistema flessibile, adattato ai nuovi requisiti di ogni prodotto. «Nel Lean Management e nel Building Information Modeling», ha affermato Renggli convinto, «alla fine si tratta sempre di coinvolgere le persone.»

Il fatto che il settore della costruzione in legno per l’industria 4.0, come è anche chiamato l’Internet delle cose nel processo di produzione industriale, e il Building Information Modeling (BIM) siano pronti da tempo, è indiscutibile non solo per l’imprenditore Renggli. Anche Philipp Zumbrunnen, che si è già occupato intensamente del BIM come ingegnere svizzero dell’edilizia in legno nell’azienda inglese Eurban, è sicuro: «Noi costruttori in legno siamo molto più avanti di quel che pensiamo. Adesso dobbiamo anche esprimerlo all’esterno!»

FORUM COSTRUZIONE IN LEGNO

All’inizio di dicembre il direttore Uwe Germerott ha accolto a Garmisch per il 21° Forum internazionale della costruzione in legno (IHF) circa 1600 partecipanti. 1550 erano iscritti: 250 visitatori da Svizzera e Austria, 850 dalla Germania e più di 200 da altri 20 Paesi. Il Forum Holz organizza ogni anno sei congressi nazionali, altri congressi speciali e cooperazioni congressuali. Ora si sta preparando l’istituzione di una Fondazione Forum Holz per promuovere la scienza e la ricerca. Il 22° IHF di Garmisch si svolgerà dal 7 al 9 dicembre 2016. forum-holzbau.com

Holzbau SchweizIl portale della industria costruire in legno svizzera