La Generazione M costruisce con il legno svizzero

18/04/2017

Con «Generazione M» l’azienda svizzera di commercio al dettaglio Migros punta sulla sostenibilità. Anche l’edificio che ospita il punto vendita di Eglisau risponde ai criteri del programma di sostenibilità.

Si tratta di una costruzione minimalista in legno di conifera locale.

Chi va a fare la spesa alla Migros di Eglisau (ZH), a due passi dalla stazione ferroviaria di Hüntwangen-Wil, sperimenta un’atmosfera piacevole. La sensazione rilassante dell’ambiente è prodotta dalla struttura in legno leggera e luminosa all’interno dell’edificio, unita alle finestre posizionate ad hoc nella facciata e ai lucernari che rischiarano ulteriormente gli spazi. Non è un caso che si sia impiegato legno, locale per la precisione. Al contrario, rientra nella strategia architettonica di Meierpartner Architekten di Wetzikon (ZH). Perché Migros non vuole solo servire al meglio i clienti, ma anche esprimere una vera e propria dichiarazione con la nuova progettazione dei punti vendita. È noto che con «Generazione M» l’azienda di commercio al dettaglio si schiera a favore della sostenibilità e intende ricoprire un ruolo pionieristico nell’utilizzo ecologico delle risorse naturali. Ciò deve rispecchiarsi anche nelle attività di costruzione.

Impiegare più legno possibile
Solitamente i punti vendita Migros si trovano nei centri abitati ben collegati, perché la vicinanza ai clienti è uno dei principi su cui si basa la cooperativa. Tuttavia a causa di aspetti legati al traffico, politici o economici, non è possibile creare nuovi spazi di vendita con un elevato sfruttamento delle superfici in ogni luogo centrale. Per creare anche nelle sedi periferiche edifici realizzabili rapidamente e al contempo il più possibile flessibili nell’uso, e che rispondano anche alle linee guida ecologiche dell’impresa, Migros Zurigo ha incaricato Meierpartner Architekten di sviluppare una strategia corrispondente per le costruzioni. Questa prevede di realizzare gli edifici commerciali utilizzando in futuro il più possibile il legno. Un’altra cosa che stava molto a cuore agli architetti era quella di rendere anche visibile il legno. E non da ultimo, esso doveva provenire dai boschi locali. Tutto ciò è stato realizzato con la costruzione del negozio di Eglisau. L’edificio a un piano è il prototipo attuale per altri possibili punti vendita di questo tipo. La sua caratteristica particolare è una struttura semplice e sistematica, prodotta in serie, unita a ecologia ed efficienza energetica. È stato tralasciato tutto ciò che avrebbe reso più costosa la funzione principale dell’edificio; ad esempio il posteggio coperto. Il cubo dall’aspetto minimalista è stato edificato nel 2015 in soli cinque mesi da Kifa SA di Aadorf (TG).

Abete rosso e bianco locali
A partire dal pavimento in calcestruzzo riciclato, l’intera struttura dell’edificio, realizzata risparmiando il materiale, è stata costruita con legno di conifera svizzero. La struttura portante reticolare a due strati e i pilastri sono stati lasciati il più possibile a vista, analogamente a soffitti, pareti esterne e interne. Se ciò non era possibile per ragioni igieniche o tecniche, gli elementi sono stati rivestiti con pannelli in fibra di legno legati a gesso. «Per l’edificio, Kifa SA ha lavorato 327 metri cubi di legno di abete rosso e bianco», spiega Ralf Helg, Direttore del progetto Costruzioni in legno presso Kifa SA. «Il legname è stato impiegato per realizzare 362 pilastri e travi e 254 elementi prefabbricati.» Perché la struttura portante in legno restasse visibile anche dall’esterno, la facciata è stata rivestita con pannelli traslucidi in fibra di vetro, che proteggono il legno da pioggia e sole. Così è stato possibile soddisfare un’ulteriore esigenza del committente, che voleva che la facciata in legno invecchiasse in modo uniforme. La retroilluminazione a LED dei pannelli in fibra di vetro fa sì che la struttura in legno si noti anche la sera e nella stagione fredda.

Sobrietà nella progettazione
L’intera costruzione è all’insegna di semplicità e riduzione. L’involucro è strutturato in modo sobrio e definisce lo spazio sfruttabile in maniera flessibile per la vendita. Nel complesso lo stabile dispone di una superficie commerciale di 2000 metri quadri, che nella facciata rivolta ai clienti si apre con un’ampia zona d’ingresso riparata dalle intemperie. Ai due negozi, una filiale Migros da 1500 metri quadri e una filiale Denner da 500 metri quadri, si accede attraverso una bussola. I clienti possono approfittare del collegamento piano e diretto tra parcheggio e negozio. Nell’area più lontana dall’accesso dei clienti si trovano magazzini e celle frigorifere, nonché la zona dedicata alle consegne. Gli iter aziendali sono progettati in modo ottimale, con percorsi brevi e successioni logiche degli ambienti. Gran parte dell’edificio è costruito su un piano. Solo la parte riservata al personale e agli uffici è dotata di un secondo piano. Al primo piano, i collaboratori hanno a disposizione sale per il personale luminose e tranquille, nonché una terrazza riparata. Contrariamente alle facciate in legno, questa parte di edificio è stata rivestita di pannelli di eternit scuri. Lo stabile ha ottenuto la certificazione Minergie e pertanto incarna i valori di Migros di chiarezza, semplicità, sostenibilità e qualità. Anche la tecnologia abitativa supporta la strategia di costruzione ecologica mediante pompe di calore, ricupero del calore e impianto fotovoltaico. Ma non finisce qui. I 327 metri cubi di legno usati per la costruzione della nuova filiale provengono al 100% da boschi svizzeri. E la clientela lo vede bene, grazie alla targa che segnala l’assegnazione del Marchio di origine Legno Svizzero.

Holzbau SchweizIl portale della industria costruire in legno svizzera